Chiamaci dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00
091 903448

pubblicato mercoledì 18 settembre 2019, 18:05 nella categoria Ortodonzia   

L’espansione palatale per correggere un palato stretto

L’espansione mascellare o espansione palatale è una tipologia di terapia che ha come obiettivo l’aumento, in particolar modo in senso trasversale, delle dimensioni del palato e quindi dell’arcata superiore. E’ di fondamentale importanza sottolineare che quando si parla di espansione palatale ci si riferisce ad una vera e propria ESPANSIONE SCHELETRICA agendo direttamente sull’osso scheletrico del paziente. Esiste, quindi, una importante e sostanziale differenza con l’”ESPANSIONE DENTALE” che  agisce semplicemente ed esclusivamente sui denti. I due tipi di espansione hanno obiettivi diversi e si eseguono spesso in età diverse.

La presenza di un “palato stretto” è molto comune nei soggetti in crescita e la causa può derivare da diversi fattori di origine sia genetica che ambientale. A tal riguardo è utile sottolineare il ruolo che svolge la lingua. La presenza di un palato stretto è spesso infatti correlata con una postura linguale non corretta che può assumere il ruolo di causa od effetto. Se per esempio, per motivi genetici il nostro piccolo paziente presenta un palato stretto, la lingua non potrà assumere una corretta postura e quindi stare a contatto con il palato anteriore e superiore durante le principali funzioni quali la deglutizione, la fonazione e la masticazione, non essendovi spazio sufficiente per contenerla.

Di conseguenza la lingua tenderà ad assumere una postura più bassa, riducendo la fisiologica spinta che questa svolge sulle pareti del palato, aggravandone, di conseguenza, il mancato sviluppo. Si genera cosi un circolo vizioso che non permette il normale sviluppo.

In questo ambito assumono particolare importanza alcune abitudini viziate quali il succhiamento prolungato o la presenza di deglutizione atipica.

I primi segni di questa condizione si possono verificare già in tenera età. In alcuni casi già a 3-4 ann di vita é  possibile notare la presenza di un arcata superiore particolarmente stretta e sarà compito dello specialista in ortodonzia mostrare e spiegare ai genitori dei piccoli assistiti questi segni premonitori

 

foto 1 – palato corretto

 

foto 2 – palato stretto

 

foto 3 – linee mediane non allineate

 

QUANDO È NECESSARIO ESPANDERE IL PALATO?

In una situazione ideale i denti dell’arcata superiore devono occludere leggermente all’esterno rispetto ai denti inferiori (FOTO 1). In presenza di un palato stretto il segno più importante e facilmente visibile anche agli occhi del genitore è sicuramente la presenza del cosiddetto “morso inverso” o “cross bite” ovvero la situazione in cui i denti superiori occludono internamente rispetto agli antagonisti inferiori (FOTO 2). Ai fini di effettuare una diagnosi corretta è di fondamentale importanza controllare anche l’arcata inferiore in quanto la presenza di un “morso inverso” causato dalla presenza di un palato poco sviluppato può influenzare notevolmente anche lo sviluppo dell’arcata antagonista.

Il palato stretto può portare a uno scivolamento della posizione mandibolare verso uno dei due lati. Questo spostamento si potrà apprezzare clinicamente con la deviazione della linea mediana inferiore rispetto a quella superiore come si nota in foto di esempio (FOTO 3). Quando si verifica questa situazione è utile prestare molta attenzione in quanto l’instaurarsi di una “deviazione mandibolare” in età precoce può ripercuotersi sullo sviluppo del viso del paziente con il rischio di creare asimmetria scheletrica in età adulta.

 

QUALI APPARECCHI SI UTILIZZANO PER L’ESPANSIONE DEL PALATO?

L’apparecchiatura più efficace ed efficiente con la quale si esegue l’espansione scheletrica del palato è il cosidetto ESPANSORE RAPIDO PALATALE (FOTO A SINISTRA). Si tratta di un apparecchio fisso composto da due semplici anellini ancorati ai denti posteriori uniti da una struttura in acciaio medico con al centro posizionata una piccola vite che se attivata porta all’espansione.

Si tratta di un apparecchio molto confortevole in quanto viene creato in laboratorio direttamente sui modelli del paziente in modo da essere il più preciso possibile. La struttura infatti decorre a circa 2 mm dal palato del paziente lasciando tutto il resto della bocca libera. Di conseguenza, dopo un breve periodo, il paziente si abitua e ritorna in grado di parlare, masticare e deglutire in maniera assolutamente normale.

 

COME E QUANDO SI ATTIVA L’ESPANSORE?

L’espansore va attivato domiciliarmente dal genitore girando la vite con apposita chiavetta fornitagli. Sarà cura dell’ortodontista spiegare come eseguire questa semplice procedura nel momento in cui viene montato l’apparecchio. Nonostante esistano diversi protocolli di espansione, a seconda dei casi, possono essere prescritti 20 o 30 attivazioni da eseguire quotidianamente. Dopo questo primo ciclo di espansione del palato è necessario attendere che anche l’arcata inferiore si adegui a questo cambiamento.  Si tratta di un’espansione dentale e non scheletrica come avviene per l’arcata superiore. L’espansione dell’arcata inferiore avviene già spontaneamente dopo l’espansione del palato ma se si vuole velocizzare questo adeguamento vi è la possibilità di usare semplici apparecchi che aiutano questa espansione (FOTO A DESTRA).

 

QUALI POTREBBERO ESSERE I DISAGI?

E’ utile essere a conoscenza del fatto che nel primo periodo è normale avere qualche difficoltà nel deglutire, nello scandire alcune parole e nel masticare alcuni cibi. Il consiglio inizialmente è quello di ingerire cibi facili da masticare e non troppo duri.

Altri disconfort possono derivare dall’insorgere di afte che devono essere mantenute sotto controllo grazie a gel gengivali o cera ortodontica. Infine è di fondamentale importanza mantenere una corretta igiene cercando di spazzolare sia i denti sia l’apparecchio e prestando attenzione nel rimuovere eventuali residui di cibo che rimangono a contatto con la mucosa del palato. Ad ogni modo sarà compito dell’ortodontista consigliare ed insegnare a gestire queste situazioni.

 

È POSSIBILE ESPANDERE IL PALATO IN PAZIENTI ADULTI?

Fino a pochi anni fa la possibilità di espandere scheletricamente il palato era un trattamento che poteva essere attuato tramite semplici apparecchi ortodontici (espansore rapido del palato) solamente sui pazienti in crescita. I pazienti adulti infatti hanno raggiunto la maturazione scheletrica e la che unisce le due metà del palato offre molta più resistenza alla sua apertura.

Per ottenere tale risultato, dunque, andrà considerata l’opzione di accoppiare l’espansore all’osteotomia della stessa sutura palatina: tale metodica viene denominata “espansione rapida del palato chirurgicamente assistita”.

 

 

Oggi grazie agl’enormi passi in avanti della ricerca è possibile in diversi casi evitare l’intervento chirurgico attraverso l’utilizzo di particolari espansori ancorati direttamente all’osso tramite piccole miniviti (VIDEO SOPRA). La procedura d’inserimento di un “ESPANSORE SU MINIVITI” è totalmente indolore e necessita solamente di una semplice anestesia locale. Il tutto non necessita di sala operatoria ma viene eseguito alla poltrona direttamente nello studio dentistico.