Impianti zigomatici

Gli impianti zigomatici sono impianti molto più lunghi degli impianti dentali tradizionali che in genere hanno una lunghezza massima di 18 mm.

Questi impianti sempre in titanio hanno una lunghezza che può variare dai 30 mm a oltre 50 mm.

Gli impianti zigomatici vengono inseriti nell’osso dello zigomo e possono essere utilizzati in associazione a impianti tradizionali permettendo di evitare un intervento di innesto d’osso; così facendo consentono di riabilitare il paziente nel giro di 24 ore con una protesi fissa eseguendo un’implantologia a carico immediato.

La zona dei molari superiori è una delle aree più critiche per posizionare gli impianti tradizionali. In questa zona la quantità di osso è sovente estremamente ridotta per la presenza del seno mascellare che è una cavità vuota.

La tecnica più comune per ricreare dell’osso in quest’area è il rialzo del seno mascellare; questo intervento da dei risultati molto buoni, ma il grande limite sta nei i tempi di attesa per inserire gli impianti, tempi che variano da 6 a 9 mesi con i relativi disagi estetici e funzionali per il paziente.

Motivo per cui è conveniente ricorrere agli impianti zigomatici, così da ridurre i tempi di attesa per il carico protesico.

L’intervento può eseguito in sedazione cosciente esclusivamente da chirurghi esperti.

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email